Un Paese tra Machiavelli e Bisanzio

Come deprimere anche il più convinto entusiasta digitale?

Basta concentrare in una settimana le seguenti visite: un ufficio postale, una banca, il sito di un gestore telefonico, il call center di un’utility, l’ospedale cittadino. Se serve infine il colpo di grazia fategli compilare la dichiarazione dei redditi, tuttora alla portata solo di bocconiani pluridecorati. In tutti i casi contemplati sarete sommersi da procedure arcaiche e metri cubi di carta da firmare su ambo i lati… Se poi devi comunicare qualche cosa, l’unico mezzo ufficiale possibile rimane la posta o il vecchio fax.

Il tutto, naturalmente, nel nome della difesa della privacy, della sicurezza, del pluralismo e di tutti i sacri principi costituzionali.

A fronte di tutto questo siamo veramente convinti di voler costruire un’Italia Digitale? Il buonsenso e l’esperienza insegnano che ostinarsi a digitalizzare prima di aver semplificato radicalmente è mera trasformazione atomi in bit, senza reale utilità.

Sognando un Paese semplice, senza fax.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...